La Manovra apre a chi esercita abusivamente professioni sanitarie senza titolo



Iniziano a scoprirsi le magnane del maxi-emendamento con cui il Gorno ha riscritto la finanziaria. Un emendamento voluto dal M5S modifica la legge 42/99 e stabilisce una deroga per l'iscrizione agli ordini anche da parte dei professionisti senza titoli che abbiano esercitato abusivamente la professione per almeno per 36 mesi nell'arco di 10 anni.
Sembra uno scherzo, ma è quanto si legge nel testo blindato su cui il governo giallo-verde ha posto la fiducia:



E' stato inoltre ampliato l'accesso alla professione di massaggiatore  on l'abrogazione dell’articolo 1 della legge 403/71 nel quale si sanciva che "la professione sanitaria ausiliaria di massaggiatore e massofisiotarapista è esercitabile soltanto dai massaggiatori e massofisioterapisti diplomati da una scuola di massaggio e massofisioterapia statale o autorizzata con decreto del ministro per la sanità, sia che lavorino alle dipendenze di enti ospedalieri e di istituti privati, sia che esercitino la professione autonomamente”.
Insomma, anche se il vostro medico dovesse risultare regolarmente iscritto all'Ordine, non potrete sapere se ha studiato prima di mettervi le mani addosso.
2 commenti