Libero spaccia per attuale una notizia del 2016 ed attacca: «È solo per soldi che Lourdes può accettare i gay. I profughi riducono alla fame le monache»



Libero dedica la sua prima pagina al loro sostenere che Dio odi i gay e che adulteri, mafiosi o adinolfiniani sarebbero «cristiani» più meritevoli di loro in virtù di come ostentino la loro sfrenata passione per le donne. E se la «regione» è fare sesso e ostentare odio, ne consegue che Salvini dovrebbe essere quantomeno Papa dato il numero di ragazze che si è passato nel corso degli anni.
Fatto sta che, all'incredibile titolo apparso in prima pagina, segue un surreale articolo a cinque colonne a firma da Renato Farina, ossia il deputato di Forza Italia che patteggiò sei mesi di reclusione ammettendo di aver collaborato con i servizi segreti italiani nel fornire informazioni e nel pubblicare notizie false su Libero in cambio di denaro.
Il 16 febbraio 2007 si è dichiarato colpevole del reato di favoreggiamento nell'ambito dell'inchiesta sul rapimento dell'ex imam di Milano, Abu Omar, così come nel luglio del 2012 è stato condannato a 2 anni e 8 mesi di reclusione per il reato di falso in atto pubblico. Ed ancora, nel febbraio 2013 è stato condannato per diffamazione dalla Cassazione in merito a quattro articoli da lui scritti contro il procuratore aggiunto di Milano Ilda Boccassini. Così, giusto per comprendere quale gran «cristiano» ci stia dando lezioni di teologia omofoba.

Con il solito tono decantatorio da bulletto, il signor Renato Farina si lancia nel sostenere che «il prossimo 14 febbraio, giorno di San Valentino, la Chiesa cattolica propone un'occasione unica: la Beata Vergine di Lourdes benedirà in quella sede le coppie omosessuali. I gay avranno l'opportunità di dirsi "je t'aime", nella grotta di Massabielle, sotto il manto dell'Immacolata Concezione che qui apparve a Bemadette Soubimus nel 1858». Dice anche di aver «aspettato due giorni, in attesa di una smentita vaticana» prima di darne notizia.
In realtà di giorni ne ha aspettati ben 721, dato che la notizia da lui riportata è vecchia di anni. Già sul Telegraph del 13 febbraio 2016 era possibile leggere più o meno le stesse cose. In quella sede Thierry Castillo spiegava che le porte per il San Valentino di quell'anno erano state aperte a tutte le coppie, sposate o non sposate, eterosessuali o omosessuali. Non si ha invece traccia della «benedizione» citata da Farina dato che si parlava di un semplice viaggio.

A quel punto Farina inizia a dire che i gay sarebbero un'opera del demonio e lamenta pure di come lui si sia sentito spaventato «all'idea che il serpente biblico per una volta stia riuscendo a mordere il calcato della Madonna invece che esserne schiacciato. A chi si collega tutte le sere a Tv Sat 2000 per il rosario in diretta dalla Grotta, queste proposte risulteranno incredibili, e tornerà in mente quando Paolo VI scandalizzò i progressisti dicendo: "Attraverso qualche fessura il fumo di Satana è entrato nella Chiesa" (29 giugno 1972). Ma una breccia a Lourdes chi poteva immaginarla?».

Anche qui è dal 2011 che TV2000 non si chiama più Sat 2000, ma forse per noi umani il tempo trascorre in modo diverso rispetto a Farina. Fatto sta che il forzista parte col dire che Lourdes avrebbe problemi economici e che «le entrate non bastano a coprire le spese», motivo per cui «il santuario mariano corre ai ripari e annuncia che gli omosessuali potranno andare a dichiarare il loro amore nella celebre grotta». Dice anche «purtroppo gli arrivi dall'India, dallo Sri Lanka, dalla Cina, dalle Filippine, dalla Corea del Sud, dall'Africa sub-sahariana e dalle Americhe non riescono a rimpiazzare i flussi un tempo provenienti dai popoli europei, ormai secolarizzati».
Se sembrerebbe quella la vera «sostituzione etnica» di cui parla la propaganda leghista, l'ultimo bilancio noto di Lourdes parla di introiti pari a 25 milioni di euro e spese superano di 27,5 milioni. O lui crede che i gay si presenterebbero con 2,5 milioni di euro in tasca o non si comprende il senso della sua teoria, ancor più senza spiegazioni su dove siano destinate uscite così ingenti.

Ma non è finita qui. Dato che evidentemente aveva ormai esaurito gli insulti contro i gay, nel suo articolo Farina si inventa anche una seconda teoria che si presta a promuovere razzismo. Scrive: «La mania delle diocesi di risparmiare per dare soldi ai profughi, sta riducendo alla fame le suore di clausura del Monatero della Visitazione. Le monache producono le ostie desti-nate alle celebrazioni eucaristiche «che subirebbero «la concorrenza di ditte laiche italiane, spagnole e americane» a «produzione meccanica» e a «prezzi bassissimi».
Insomma, è colpa dei profughi se i preti non strapagano le ostie solo perché le monachelle non hanno trovata alcuna altra occupazione con cui potersi rendere utili al mondo. In fondo, dovessimo credere a Farina, ci sarebbero tantissimi soldi per loro se solo decidessero di seguire l'invito di Gesù a dare da mangiare agli affamati al posto di produrre prodotti d'élite.
1 commento