L'importanza di Bohemian Rhapsody



È da poco giunto nella sale cinematografiche il film "Bohemian Rhapsody", il film sulla vita di Freddie Mercury. Nella distribuzione del film abbiamo visto i pasticciati tentativi di censura fatta da paesi reazionari guidati dai conservatori, ma ne abbiamo già parlato. Qui io volevo spendere un po' di tempo per elogiare quello che potrebbe essere un film molto importante per la cultura LGBT. Quest'opera è il primo film che, avendo come protagonista esplicitamente un omosessuale, raggiunge un così ampio successo (ha già superato il mezzo miliardo). Forse complice l'uscita invernale o la fama già conclamata di Mercury ma è il film a tematica omosessuale che ha incassato più di sempre. Se a questo si unisce che il Freddie Mercury portato in scena è un anti-stereotipo in cui non vediamo né un omosessuale sofferente a causa della società o a causa della propria sessualità, né un personaggio ignobile come lo volevano gli integralisti e né tantomeno un santo ma, bensì, una persona come tante altre, con insicurezze, che sbaglia, che fa del bene e del male, e che ha dei lati positivi e negativi. Quindi, io qui mi sbilancio, questo film è l'anti De Mari e la cosa bella e che credo rimarrà nella storia pronto ad ispirare le future generazioni.

PS non sono stato pagato per dirvi questo e il film mi è davvero piaciuto molto.

Marco S.
1 commento